New Roots: Per Xin Alessandro Zheng questo è l’anno del cinema d’Asia

Questa settimana Sara Lemlem ha intervistato il regista italocinese che ha presentato il suo corto nella Settimana internazionale della critica di Venezia 2020.

DiSara Lemlem

Gen 27, 2021

Xin Alessandro Zheng è un regista italocinese che nel 2020 ha presentato alla Settimana internazionale della critica, sezione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, il suo cortometraggio Where the leaves fall

Il film tratta i temi delle radici lontane, delle diversità rispetto a chi è rimasto nella terra d’origine e della ricerca identitaria. Una ricerca continua anche per chi, come Alessandro, si definisce italiano e in quanto tale vorrebbe portare un contributo al cinema del nostro Paese, come tanti altri cineasti con background migratorio hanno già fatto e stanno facendo: Phaim Bhuiyan con Banglafilm vincitore del David di Donatello 2019, Antonio Dikele Distefano con la serie Zero in uscita per Netflix, e Daphne di Cinto con il corto in produzione Il Moro.

A proposito dei molti italiani di origine cinese (IBC, Italian Born Chinese) che stanno creando nuove forme espressive per raccontarsi, qui potrete trovare l’intervista di NRW a Susanna Yu Bai, anche lei regista.

Insomma, sembra proprio che il 2021 nel cinema italiano sarà l’anno della diversity, anche in vista della recente nomina di Bong Joon Hoo, il regista di Parasite, a presidente della giuria della 78esima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

 

Riproduzione riservata

, , , , , , ,