Il long read di questa settimana è un romanzo a fumetti, grazie al quale un fotografo e un disegnatore raccontano le storie dei migranti del centro L’Ancora di Sanremo. Pubblichiamo un estratto del romanzo, edito da Feltrinelli Comics.

Sio e Nicola Bernardi
Storiemigranti
(Feltrinelli Comics, 2019)

C’è chi è scappato da casa per salvarsi la vita, ma ci sono anche i racconti di chi ha vissuto tragedie nelle quali tutti ci rispecchiamo: qualcuno si è visto truffare da un amico, qualcun altro ha perso la madre mentre si trovata lontano, ed è grato di averla potuta salutare un’ultima volta.

Questa è la forza di raccontare la migrazione attraverso un fumetto. Nella sintesi scherzosa, a volte ferocemente semplice, del disegno, si esaltano i sentimenti: per il loro Storiemigranti (Feltrinelli Comics) il fumettista “social” Sio e il fotografo Nicola Bernardi hanno lavorato in collaborazione con il Centro di solidarietà L’Ancora di Sanremo, e sono andati nei centri di accoglienza straordinaria della provincia di Imperia, per scoprire le storie dei migranti ospitati e trasformarle in una serie di ritratti fotografici e fumetti. Per ciascun migrante, nel libro si trovano un ritratto e due tavole disegnate, che sviluppano un frammento personale, un’esperienza vissuta.
Trentadue straordinarie storie normali, di vita tragica ma quotidiana, per ricordare che dietro il termine “immigrato”, “richiedente asilo” e “clandestino” ci sono persone, con il loro carico di drammi, comicità, sogni e desideri. Uno dei grandi temi dell’attualità di oggi viene così raccontato in modo personale, inedito e sicuramente imperdibile.
Cristina Piotti

Per gentile concessione dell’editore Feltrinelli Comics pubblichiamo un estratto del libro: la storia di Amin (nella foto qui sotto).

Uno dei protagonisti di Storiemigranti
Una pagina di Storiemigranti
Una pagina di Storiemigranti
Copertina

Riproduzione riservata