La settimana della moda milanese é alle porte. La rubrica "Le Storie di Sara" si focalizza sulla mancanza di diversity nella moda italiana e sulla sfilata di BLMIF, Black Lives Matter in Italian Fashion.

La settimana della moda milanese é alle porte e quest’anno, oltre alla necessità di realizzare parte delle sfilate in diretta streaming a causa del Covid, ci sarà un’altra interessante novità: il collettivo di BLMIF – Black Lives Matter in Italian Fashion, nato per chiedere maggior diversity nella moda italiana.

Il collettivo sarà composto da 5 designer neri, scoperti da Michelle Ngonmo, fondatrice dell’Afro Fashion Week. La settimana della moda milanese si terrà dal 22 al 28 Settembre a Milano. Domenica 27 si terrà l’evento digitale “We are Made in Italy – The Fab Five Bridge Builders”, la sfilata del collettivo di BLMIF.

Durante l’evento mostreranno le loro collezioni congiuntamente, grazie alla direzione artistica della stilista italo-haitiana Stella Jean e del direttore creativo del brand SANSOVINO 6, di Edward Buchanan.

La notizia, poco ripresa dai media italiani, è stata lanciata qualche giorno fa da Stella Jean durante un’intervista per la BBC. Come evidenzia Stella Jean, al momento c’è solo lei a rappresentare la diversità. Infatti su 113 membri della Camera della Moda italiana, è l’unica rappresentante nera, ed è cosi dal 1953.

Se solo a giugno i grandi giganti della moda, come Dolce&Gabbana, Gucci, Ferragamo, postavano quadratini neri sulle loro pagine Instagram in segno di supporto del movimento americano del BLM, come fanno oggi a non notare la mancanza di diversity?

E perché, aggiungiamo noi, il Time dedica la sua copertina al Guardate il video di Sara Lemlem per saperne di più.

Riproduzione riservata