Il 25 gennaio si festeggerà il Capodanno cinese, con l’inizio dell’anno del Topo. Abbiamo chiesto a Massimiliano Jiang, nato in Cina ma cresciuto a Prato, di raccontarci qualche curiosità su questo periodo di festeggiamenti, molto sentito in Cina ma anche all’estero.

Xīnnián kuàilè (o Buon Anno, in cinese) Il 25 gennaio i cinesi di tutto il mondo danno il benvenuto all’anno del Topo, festeggiando il capodanno secondo il calendario cinese. Abbiamo intervistato Massimiliano Jiang, che da quando ha 7 anni vive a Prato ma è nato in Cina. Nel 2015 ha partecipato a Italiani made in China, programma andato in onda su Real Time che ha raccontato il viaggio per tornare in Oriente di 6 ragazzi di origini cinesi che vivono in Italia.

Le buste rosse 2.0

«Tradizionalmente, a Capodanno ci si scambiano regali, principalmente soldi. Vengono messi in buste rosse (dette hongbao), che poi vengono date ai giovani della famiglia e agli anziani in pensione. È un gesto simbolico, per augurare prosperità e fortuna. Ora i tempi sono cambiati, spesso le distanze tra membri della famiglia sono maggiori ed è più difficile riunirsi. Ormai app come WeChat sono sempre più comuni, hanno un’apposita opzione Hongbao e consentono di inviare soldi istantaneamente».

I botti e i fuochi d’artificio

«Chi non è mai stato a Capodanno in Cina non sa cosa siano i veri fuochi d’artificio. Quelli che vengono sparati in Cina durante questa festività assomigliano più che altro a incantesimi magici, con figure luminose che scendono a terra dopo l’esplosione. Più forte è il botto e più fortuna porterà il nuovo anno, ancora mi ricordo il delirio di rumori e scoppi…».

Il mostro Nian

«Leggenda vuole che il terribile mostro Nian, dalla testa lunga e provvisto di corna appuntite, uscisse fuori dalla sua tana ogni Capodanno per cibarsi di bestiame, raccolto ma anche di persone. Un vecchio un giorno diede fuoco a dei bambù in modo tale che scoppiettassero, e cominciò ad appendere drappi e lanterne rosse. Si scoprì così che l’unica cosa in grado di mettere in fuga il mostro Nian erano i botti e il colore rosso. Ecco spiegato il motivo di spettacoli pirotecnici così eccessivi e le sfilate che si tengono in tutto il mondo, con lanterne rosse e dragone».

Significato dell’anno del Topo

«Lo zodiaco cinese ha 12 segni e il Topo è il primo degli animali. Il capodanno segna l’inizio di un nuovo anno, e di un nuovo segno. C’è poi da tenere conto della teoria degli elementi, che ricorrono ciclicamente. Questo è l’anno del Topo di Metallo/Oro, cosa che succede ogni 60 anni. Chi nasce quest’anno avrà un carattere intelligente ma molto irruento e geloso, con una grande consapevolezza di sé. Più in generale, essere nati sotto il segno del Topo indica una personalità arguta e versatile, piena di risorse. Può sembrare strano, ma secondo la credenza popolare l’anno in cui cade il proprio segno non porta fortuna… È anzi un anno sfortunato, poiché si arreca un’offesa a Tai Sui, il dio dell’Età».

Festeggiamenti in giro per il mondo

«Questo è un momento di crisi per chi ha impiegati cinesi… Molto spesso infatti accumulano le ferie e in questo periodo dell’anno tornano in massa a casa, in Cina. È infatti tradizione trascorrere questi giorni con parenti e amici e i festeggiamenti si protraggono per due settimane. In Italia molte associazioni organizzano eventi e parate, come la celebre sfilata del Dragone, però non hanno nulla a che vedere con quello che succede in Cina».

Foto: Unsplash / Mathew Schwartz

Riproduzione riservata