Il tocco di (chef) Victoire, dal Congo a Gambero Rosso

Nata a Brazzaville, è arrivata in Italia con un permesso di studio: la laurea in Giurisprudenza non l’ha mai presa, ma in compenso è diventata una delle cuoche più note d’Italia