Il consiglio di lettura di questa settimana di NRW è "Possiamo essere tutto" di Francesca Ceci e Alessia Puleo. I nuovi italiani sono quelli che si fanno meno problemi a riconoscersi come parte di una comunità, eppure sono ancora vittime di infiniti pregiudizi.

Francesca Ceci
Alessia Puleo
Possiamo essere tutto
2020 Tunué
pagine 96 euro 12,50

Italiani e italiane con la pelle scura, i capelli ricci, talvolta il velo, identitario e non sempre simbolo religioso. C’è un mondo intero, assai ampio a questo punto, che fatica ancora a non essere riconosciuto tra i cittadini di questo Paese. Un salto generazionale non è bastato a favorire l’integrazione. I nuovi italiani, nati qui o arrivati qui da piccolissimi, sono quelli che si fanno meno problemi a riconoscersi come parte di una comunità. Gli indigeni italiani, se non tutti molti di loro, sono ancora vittime di infiniti pregiudizi. Basta una persona di pelle scura, coi capelli ricci, talvolta il velo, a far scattare l’equazione “non sembra un italiano, allora è uno straniero”. Poi c’è la burocrazia, e la volontà politica che oscilla tra ferocia e indifferenza, con i mille cavilli che rendono un percorso a ostacoli ottenere la cittadinanza anche a chi è nato qui da genitori arrivati da altrove. «Casa è ovunque ci siano possibilità», dice uno dei giovani protagonisti di questa graphic novel, stanco delle incomprensioni vissute sulla sua pelle in questo Paese, tentato di andare in Marocco, dove non è nato, da dove arrivano i suoi genitori, in una specie di viaggio del riscatto all’incontrario. Serie televisive come Unorthodox o Skam Italia, mostrano l’urgenza di trovare linguaggi nuovi a problemi che di trascinano oramai da vent’anni nel nostro Paese. Le scrittrici Francesca Ceci e Alessia Puleo, al loro esordio nella graphic novel, attraverso la vita quotidiana della famiglia Fares, mettono a nudo tematiche ancora irrisolte. Il libro, pubblicato con la collaborazione di Amnesty International, raccoglie anche il contributo della scrittrice marocchina Fatima Bouhtouch: «Noi siamo un futuro poliglotta, colorato e riscattato». Fabio Poletti

Per gentile concessione delle autrici Francesca Ceci e Alessia Puleo e dell’editore Tunué pubblichiamo alcune tavole della graphic novel Possiamo essere tutto.

Riproduzione riservata