6 giugno 2019. Razzismo o terrore della competizione?

Ostilità o terrore della competizione. Un nostro lettore ci scrive e ci spiega la frustrazione delle seconde generazioni.

DiCristina Giudici

Giu 6, 2019
Editoriale NuoveRadici.world

Il libro di Raffaele Simone, L’ospite e il nemico (Garzanti), che avrebbe dovuto suscitare una polemica, un bel dibattito come si diceva una volta, perché mette a nudo tutte le tesi su quella che lui definisce in modo eccessivo la Grande Migrazione, non ha avuto eco. Eppure il suo excursus storico è suggestivo. O quanto meno offre più argomenti per affrontare un tema complesso, senza affidarsi ai luoghi comuni.

Sapevate ad esempio quando e come è stato codificato il diritto di migrare? All’epoca della scoperta delle Americhe. E non per fuggire da una guerra o dalla fame, ma per legittimare la scoperta e la conquista del Nuovo Mondo.  

Cito Raffaele Simone: «Il diritto di migrare ha infatti due facce ben distinte: il diritto di lasciare il proprio Paese (possiamo chiamarlo diritto di esodo) e quello di entrare in un Paese altrui (chiamiamolo diritto di accesso). Le due facce sono facilmente confuse, talvolta per calcolo politico. Basta per esempio ricordare che, all’epoca della scoperta delle Americhe (cioè, per usare le parole giuste, dell’invasione delle Americhe da parte degli spagnoli), si sviluppò in Spagna un fervido dibattito teologico-giuridico su una questione che oggi può parere capziosa: gli spagnoli avevano o no il diritto di insediarsi in terre non loro? Fu in quel contesto che giuristi come Francisco de Vitoria elaborarono la nozione di “diritto di migrare”, cioè di lasciare il proprio Paese senza esserne impediti».

Un’osservazione che dovrebbe imporre una riflessione e invece nulla al cubo. Mi stupisce ancora di più la mancanza di un dibattito serio e costruttivo sull’integrazione, che noi cerchiamo di stimolare in tutti i modi. Anche attraverso l’editoriale dei lettori, per dare spazio a chi ci segue e può spiegarci meglio di chiunque altro cosa sta accadendo attraverso la propria testimonianza. Mi ha colpito quanto ci ha scritto questa settimana un giovane di 27 anni, figlio di tunisini. «Non posso dire che sono italiano senza ricevere spesso in risposta una risata o un’occhiata dubbiosa».

È il dramma della generazione involontaria che non ha scelto di nascere in Italia. Non ha scelto di emigrare, eppure deve combattere per affermare il proprio diritto ad inserirsi.

Ogni volta che uso il termine, credo più corretto, nuove generazioni di italiani, molti mi guardano stupiti e poi esclamano: «Ti riferisci agli immigrati?». E forse non è neanche ostilità, ma solo un’immensa, catastrofica, superficialità.

Un nostro lettore, che ha manifestato la sua frustrazione, ci ha dato una diversa chiave di lettura. Ci ha scritto: Io non credo che ci sia una vera e propria ostilità che colpisce anche noi di seconda generazione, la definirei piuttosto terrore della competizione.

E allora capisco il silenzio che avvolge la generazione involontaria. È difficile prendere in considerazione tutti coloro che, ormai fra i 20 e i 30 anni, ambiscono a ruoli sociali adeguati alle proprie competenze e agli studi sempre più spesso qualificati. I loro progressi fanno paura in una società terrorizzata dall’impoverimento e dal timore di perdere non tanto le proprie radici, ma lo status. E allora il colore della pelle non c’entra nulla? L’astio sulla nostra pagina Facebook verso un cittadino africano che dalla strada è arrivato ad avere un ruolo manageriale si spiega forse così. Paura della competizione, più che razzismo?  

Dopo le elezioni europee. Il Parlamento europeo non è più “so white”… o quasi

Per la prima volta a Bruxelles arrivano 20 eurodeputati di origini straniere (dall’Italia 0). Chi sono? Ce lo racconta Costanza de Toma.

Editoriale dei lettori. «Sono incattivito. In questo clima ci andiamo di mezzo pure noi, i figli dei migranti»

A scuola lo avevano soprannominato Bettino per gioco perché gli riconoscevano una capacità carismatica. Ora Oussama Mansour, cittadino italiano figlio di una coppia di tunisini, ci scrive: «Non posso dire che sono italiano senza spesso ricevere in risposta una risata o una occhiata dubbiosa». Tutto bene fra le seconde generazioni di italiani? Pare di no. 

Il rapper italovietnamita Mike Lennon: «Sono nato a Parma, ma canto con la L al posto della R per deridere i cliché sugli asiatici»

Duc Loc Michael Vuong, in arte Mike Lennon, primo rapper asiatico in Italia, è nato a Parma nel 1995 da genitori vietnamiti. Mariarosa Porcelli ci ha raccontato la sua storia ripresa dal nostro partner editoriale stranieriinitalia.it.

Future Fiction: il futuro arriva ovunque (e per i cinesi è già arrivato)

Il long read di questa settimana è dedicato alla fantascienza di matrice cinese ora tradotta in italiano: pubblichiamo l’introduzione ad ArtifiCina di Chen Qiufan. Accompagnato da un’intervista di Fabio Malagnini a Francesco Verso, editore di Future Fiction in cui spiega in che modo con i suoi libri ha gettato un ponte tra Cina e Italia.

Damir Eskerica: «Per Moroso multiculturalità significa creatività. E fatturato»

Come è riuscito quel bambino, profugo, fuggito dalla Bosnia con l’ultimo convoglio dell’ONU, a diventare Ceo di uno dei brand di design più noti al mondo? Lo spiega in un’intervista a Cristina Piotti rilanciata da Linkiesta

Ma i profughi li dovete prendere per i fondelli o vederli riversi su una spiaggia per esorcizzarli?

L’immagine delle tre ucraine con fisico da pin up spacciate per rifugiate è diventata virale. La provocazione del nostro polemista Sindbad il Marinaio che paragona la reazione suscitata sui social dal meme sessista a quella provocata dalla foto di Alan Kurdi riverso sulla spiaggia di Bodrum.

, , ,