3 ottobre 2019. Siamo (ancora) sulla stessa barca

Oggi si commemora in tutta Europa la strage di Lampedusa del 3 ottobre 2013, ma siamo ancora sulla stessa barca.

Editoriale NuoveRadici.world

Oggi in trenta città europee ci sono state manifestazioni, flash mob, marce per commemorare la strage di Lampedusa avvenuta il 3 ottobre del 2013, in cui sono morte 368 persone, a mezzo miglio dalla terra ferma. Un naufragio diventato il simbolo dell’ignavia e dell’incapacità dell’Europa intera davanti al flusso di migranti che arrivano dal Mediterraneo.

Eppure sei anni dopo siamo ancora sulla stessa barca. Il Comitato 3 ottobre, guidato dall’italoeritreo Tareke Brhane, ha organizzato una commemorazione durata tre giorni, coinvolgendo 200 studenti, 60 scuole. Cosa è successo da allora? L’operazione Mare Nostrum, avviata dal governo Letta, ha permesso di limitare gli sbarchi fantasma, ma è stata oggetto di molte controversie e ha avuto dei costi insostenibili a lungo termine.

Tutte le missioni successive sono state però fallimentari perché si è cercato di curare il sintomo e non la patologia del traffico degli esseri umani. Le Ong sono state preziose, ma per un periodo anche un problema perché mancava una regia efficace per i soccorsi. Infine le organizzazioni umanitarie sono state trasformate in un capro espiatorio e in uno strumento per la battaglia politica fra populisti e fautori dell’accoglienza.

Le politiche adottate dall’ex titolare del Viminale, Marco Minniti, per ridurre gli sbarchi hanno spostato l’emergenza in Libia, dove migliaia di migranti sono rimasti prigionieri e vittime di violenze inaudite, mentre la prassi braccio-di-ferro con le Ong usata dall’ex vicepremier Matteo Salvini ha impedito ogni soluzione politica lungimirante. E così è tornato il caos, con gli sbarchi fantasma, sebbene con numeri molto più ridotti. E come nel gioco dell’oca siamo tornati al punto di partenza. Ed è un esercizio inutile oltre che cinico continuare a dare i numeri sugli arrivi.

Certo, i corridoi umanitari rappresentano uno strumento civile e concreto per evitare ai migranti il passaggio infernale dalle cayenne libiche, ma per ora si limitano a un numero ridotto di profughi. Autorevoli esperti ribadiscono ad ogni quando e ogni dove che ci vorrebbe un intervento multilaterale in Libia per liberare i migranti, ma operare in un Paese in guerra è un’operazione complessa che si scontra con diversi interessi strategici.

Da anni si ribadisce che si deve superare il trattato di Dublino, ma pare impossibile mettere d’accordo gli stati membri dell’Unione Europea e obbligarli ad assumersi le responsabilità di un’accoglienza condivisa e automatica.

Sebbene l’imperativo morale #restiamoumani sia indiscutibile, commemorare le stragi può servire solo a trasmettere consapevolezza. La ricetta per governare i flussi non si trova né si troverà, a meno di adottare metodi e criteri concreti per promuovere i flussi legali. Un altro nodo che la politica non vuole sciogliere. E così i flussi migratori restano materia incandescente, nonostante non ci sia alcuna emergenza ai nostri confini.

Morale? La percezione alterata non permette un dibattito sereno e costruttivo, anche senza Matteo Salvini al Viminale. E riavviare l’iter della battaglia sullo ius culturae nel giorno della commemorazione della strage di Lampedusa confonde ulteriormente la narrazione, perché i flussi migratori dalla Libia non hanno nulla a che a fare con i numeri, questi sì molto consistenti, dei nuovi italiani nati nel nostro Paese. E così restiamo ancora tutti sulla stessa barca.  

L’ironia è per pochi, il volontariato per tutti: il Terzo Segreto di Satira firma una nuova webserie con WeWorld Onlus 

Il famoso collettivo satirico online si unisce alla organizzazione italiana indipendente per un progetto che racconta la vita e le attività dei volontari EU Aid Volunteers in Africa. Uno degli autori, Pietro Belfiore, ci racconta il perché di questa scelta. Di Cristina Piotti. 

Sidney Gomes: «Alla mia prima sfilata, ero così compreso nel ruolo che non ho neanche riconosciuto mia madre» 

Ancora moda e multiculturalismo. Alle sfilate dell’Afro Fashion Week Milano abbiamo intervistato Sidney Gomes, di origini capoverdiane, al suo battesimo sulla passerella. Di Elisa Mariani. 

L’integrazione non c’entra un’acca. Senza carne di maiale i tortellini non sono tortellini

Il nostro polemista Sindbad il Marinaio interviene sul dibattito gastronomico e surreale dei tortellini senza carne di maiale. Chiedendosi perché mai quando si parla di integrazione si butta tutto in caciara. 

La globalizzazione delle persone batte quella delle merci

Il commercio internazionale è in stallo da un decennio mentre lo spostamento delle persone è raddoppiato negli ultimi 20 anni. Un report di Citigroup spiega perché. Di Fabio Malagnini. 

Future. Il domani narrato dalle voci di oggi

Il long read di questa settimana è dedicato alla raccolta di racconti di undici scrittrici afroitaliane. Pubblichiamo un estratto del racconto di Esperance Hakuzwimana Ripanti, tratto da Future. Il domani narrato dalle voci di oggi (Effequ, 2019). A cura di Fabio Poletti. 

Vera Atyushkina, ex Velina bionda: «Il mio passato da benzinaia con un’educazione siberiana (che mi ha salvato dalle molestie)»

Russa di nascita e italiana d’adozione (ma per la cittadinanza «non ha ancora avuto tempo»), intervistata da Marco Lussemburgo, ha raccontato come il programma di Antonio Ricci ha trasformato la sua vita e la sua mentalità, ma non la sua determinazione. Come quella volta che disse di no a un produttore italiano…