23 aprile 2020. Alla fine della quarantena sarete ancora in fissa contro i migranti?

Alla fine della quarantena sarete ancora in fissa contro i migranti? Forse vale più un instante di realtà empirica che migliaia di proiezioni, ipo(tesi), analisi. Ieri, nella mia fugace uscita dalla quarantena, ho intercettato un edificante quadro domestico. Una famiglia vive vicino al cancello dell’edificio che la divide dal mondo e commenta ad alta voce…

DiCristina Giudici

Apr 23, 2020
Editoriale NuoveRadici.world

Alla fine della quarantena sarete ancora in fissa contro i migranti? Forse vale più un instante di realtà empirica che migliaia di proiezioni, ipo(tesi), analisi. Ieri, nella mia fugace uscita dalla quarantena, ho intercettato un edificante quadro domestico.

Una famiglia vive vicino al cancello dell’edificio che la divide dal mondo e commenta ad alta voce un video trovato sui social in cui si sostiene con rabbia che il premier Conte stia aumentando i 35 euro destinati ai migranti nei centri di accoglienza.

Mi fermo, un po’ incredula, rizzo le antenne e sento che il video di mezzo minuto viene riascoltato più volte. Un’immagine che mi basta per mille dilemmi. Davanti alla paura reale della pandemia, le forze politiche sovraniste si sono concentrare su recessione, fase 2, antieuropeismo, mentre i loro slogan come #primaglitaliani sono stati flebili e poco efficaci.

Cosa accadrà a chi aveva come capro espiatorio lo straniero, ora che si avvicina la fine della quarantena, e si troverà all’esterno disorientato e più povero? Quanti hanno coltivato nella reclusione l’astio congelato per due mesi ma evidentemente cristallizzato, intercettato ieri grazie alla famigliuola in loop sui 35 euro?

E cosa accadrà quando (e se), per motivi di necessità economica più che per ragioni umanitarie, si regolarizzeranno i migranti-braccianti? Si tornerà allo stesso mondo, per di più distanziato e con meno capacità di empatia? Eppure tutti o quasi non hanno fatto che applaudire i medici stranieri che sono venuti ad aiutarci a casa nostra, per parafrasare lo slogan leghista e sovranista. E i nostri medici di origini straniere che hanno sacrificato la loro vita per affrontare l’emergenza sono stati compianti da tutti. Domani leggerete sulla nostra testata la storia di una famiglia di medici italosiriani (e veneti), raccontata dal figlio che ha appena perso la madre, medico di famiglia, che si è ammalata di Covid.

Il centoquarantaduesimo medico stroncato dal Coronavirus aveva origini peruviane e si è spento martedì scorso a Bologna. Il dottor Manuel Efrain Perez è stato salutato da un minuto di sirene delle ambulanze dei volontari della Fratres Mutinae, associazione di cui era presidente.

Ma quelli in fissa coi 35 euro dati ai migranti riescono a registrare i lutti dei medici di origini straniere che si sono sacrificati anche per loro? E magari a capire che la loro presenza discreta se non invisibile nel sistema sanitario, emersa durante la pandemia, spiega molto sul mondo complesso e in rapido cambiamento in cui viviamo, con o senza Coronavirus? Chi è in fissa continuerà a guardare in una sola direzione anche nel dopo che verrà o, rialzandosi, ascolterà anche noi che saremo qua a raccontare il mondo con tutte le sue sfumature per riaprire almeno i confini mentali? 

Le 10 domande di NRW sulla ripartenza

Imprenditori, partner, creativi e supporter della nostra testata raccontano cosa si aspettano dalla nuova fase che ci attende. Francesco Reale, Segretario Generale della Fondazione Adecco per le Pari Opportunità, si sottopone al questionario di Giulia Parini Bruno.

ArteficeGroup e NRW: la brand reputation che sfida gli stereotipi

Tagliato il traguardo delle cento settimane, abbiamo voluto raccontare le motivazioni etiche che hanno portato una società che si occupa di brand identity per grandi aziende ad affiancare e sostenere il nostro progetto.

5 domande, doppie origini e un solo virus #4

Come vive questo momento storico incerto chi ha radici non solo in Italia ma anche altrove? Nell’ultima puntata della nostra video-rubrica curata da Sara Lemlem, Boris Veliz, scenografo e artista di origini ecuadoriane, ci racconta come affronta le sue paure, anche quelle che riguardano la fine della quarantena.

Lezioni a distanza (funamboliche) per migranti ai tempi del virus

A Milano e provincia, la didattica e i corsi di italiano per stranieri hanno ripreso le loro attività usando app e strumenti digitali. Con risultati molto più incoraggianti di quanto gli stessi insegnanti avessero ipotizzato. Di Mariarosa Porcelli. 

Il dibattito (che ci vuole) sulla regolarizzazione dei migranti invisibili. Battaglia etica o logica emergenziale?

Mario Giro, già viceministro degli Esteri, torna su NRW per spiegare la necessità di una legge per regolarizzare i migranti che lavorano in nero perché in democrazia «se non consideri gli ultimi non considererai nessuno» scrive. Il dibattito è aperto.

La costellazione del dragone

Le letture di NRW. Il long read di questa settimana è tratto da La costellazione del dragone (Piemme, 2020) di Zhang Changxiao, conosciuto con il nome internazionale di Sean White, cui va il merito di accompagnarci nella sua comunità con uno sguardo diretto. Anticipando le nostre curiosità ma svelando anche i nostri pregiudizi. A cura di Fabio Poletti. 

Naufragi e porti chiusi. Questa pandemia ha ucciso anche il senso di umanità?

È ricominciata la strage dei naufraghi abbandonati dall’Europa, che li respinge indietro nell’inferno libico. L’Italia volta le spalle per il Coronavirus ma, come spiega l’avvocatessa Francesca Napoli, non ci sono vite più meritevoli di altre. Di Cristina Piotti.

Ronke Oluwadare, che segue le seconde generazioni, tra vecchi traumi e nuove ferite della quarantena

Storytelling di NRW. Ronke Oluwadare ha 32 anni ed è una psicoterapeuta familiare che lavora molto con le nuove generazioni di italiani. Su questioni identitarie e bisogno di rappresentazione. Anche durante la pandemia. Di Sara Lemlem. 

, , , , ,